Sulla storia della Fondazione Pro Monastero San Giovanni a Müstair

I ritrovamenti dei due studiosi svizzeri Robert Durrer e Joseph Zemp a fine XIX secolo e le indagini svolte a metà del XX secolo, evidenziarono l'importanza storica e artistica degli affreschi carolingi e romanici della chiesa del Monastero di San Giovanni a Müstair. Tuttavia mancavano le risorse finanziare necessarie per conservare e mantenere il complesso architettonico, che - come altri monumenti storici all'epoca - era palesemente in uno stato di degrado avanzato. Nel 1969 un'offerta di talleri di cioccolato proposta dall'Heimatschutz Svizzera sottolinea la necessità di assumersi un impegno duraturo per la valorizzazione di questo complesso architettonico eccezionale. Nello stesso anno, su iniziativa degli allora granconsiglieri grigionesi Gion Darms e Arno Theus, fu fondata la Fondazione Pro Monastero San Giovanni a Müstair.